Tavecchio si è dimesso. FIGC commissariata

Tavecchio si è dimesso. FIGC commissariata

Gli aggiornamenti in tempo reale del giorno più lungo in Figc: il presidente si è convinto dopo il pronunciamento contrario della Lega Dilettanti

di redazione nc.it

Carlo Tavecchio, presidente della Federcalcio finito sulla graticola dopo il flop mondiale della Nazionale, si è dimesso. E’ successo nel Consiglio Federale in corso a Roma. Segui qui tutti gli aggiornamenti in tempo reale di Gazzetta.it

 

 

TOMMASI: PROGETTO SPORTIVO AL CENTRO — Ore 15.30  Il commento di Damiano Tommasi, presidente AIC: “Già dal Consiglio Direttivo AIC di lunedì prossimo valuteremo la situazione e cercheremo di condividere le proposte che, come componente tecnica del Consiglio Federale, porteremo avanti in vista delle prossime elezioni. Vogliamo rimettere il progetto sportivo al centro della discussione. Sappiamo che sarà comunque difficile ma riteniamo che sia la cosa giusta da fare in questo momento”.

MALAGÒ: “COMMISSARIARE LA FIGC” — Ore 14.45 “C’è la volontà di commissariare la Federcalcio, lo dice lo statuto. Mi sembra l’unica soluzione”. Lo annuncia il presidente del Coni, Giovanni Malago’, che oggi ha fissato una Giunta straordinaria per mercoledì alle ore 16:30. Preferisce non fare nomi, né tantomeno portare avanti una sua candidatura: “I fatti erano chiari, oggettivi, l’ho detto più volte nei giorni scorsi: un Consiglio federale completo, forte, compatto avrebbe potuto pensare ad alternative diverse ma la situazione era tale che per prevedere che si sarebbe arrivati alle dimissioni del presidente non ci voleva uno scienziato. C’è un presidente federale che si è dimesso – conclude Malago’ – due componenti importanti come le Leghe di A e di B senza rappresentanti, altre componenti che hanno preso orientamenti diversi: consiglierei agli amici del calcio che non è il caso di farsi dell’altro male. Il nome del commissario? È presto per farlo, non dipende da me, io personalmente ho un’agenda molto complicata e un’olimpiade a novanta giorni, molto lontana e con un fuso orario notevole».

Tavecchio, addio alla Figc. Diretta video dal consiglio federale

ULIVIERI: DECISIONE NON CONDIVISA  Ore 13.45 “Noi non condividiamo questa decisione, che però è personale e che rispettiamo – ha commentato Renzo Ulivieri, presidente dell’Assoallenatori, -. Se qualcuno ha spinto per mettersi qualche medaglia al petto, credo che sia stato un errore, e probabilmente non sa fare il suo lavoro”.

TOMMASI: IL PROSSIMO CANDIDATO PARLI DI CALCIO — Ore 13.28 “Adesso serve un progetto che nelle prossime elezioni sia condiviso il più possibile – ha spiegato Damiano Tommasi, presidente dell’Aic -. Non ha lasciato parlare nessuno, Tavecchio ci ha comunicato le sue intenzioni e farà ordinaria amministrazione fino alle prossime elezioni. Il prossimo presidente? Mi auguro che sia qualcuno che possa parlare di calcio. Se mi sento pronto per candidarmi? Non è il momento di parlare di questo, ma di progettualità che sia ad ampio respiro. Nessuno me lo ha chiesto fino ad ora, cerco di rappresentare gli atleti”.

 

GRAVINA E SIBILIA: ORA RIPARTIAMO — Ore 13.18 Gravina, presidente della Lega Pro: “Tavecchio si è dimesso, assicurando che convocherà l’assemblea elettiva entro 90 giorni. È il momento di ripartire”. Gli fa eco Sibilia, n.1 della Lega dilettanti: “La Lnd ha scelto di ripartire, il calcio ne ha bisogno, dobbiamo cercare un’ampia condivisione”.

LE PAROLE DI ABETE — Ore 13.16 “Il presidente Tavecchio ha preso atto che alcune componenti, che in passato avevano manifestato il loro appoggio, avevano difficoltà nel rinnovare questo tipo di consenso”. Così Giancarlo Abete, consigliere in quota Lega Pro, spiega come Carlo Tavecchio sia giunto alla decisione di rimettere il mandato di presidente federale. “È importante ora che si rispettino e tutelino le rappresentanze democratiche e si consenta nei tempi previsti dallo Statuto a procedere a elezioni – ha aggiunto – in modo che ci sia un soggetto che, avendo la maggioranza, possa liberamente essere e il più presto possibile il nuovo presidente». Abete ha poi confermato che sarà lo stesso Tavecchio a indire le nuove elezioni che “non sono frutto della responsabilità di una sola persona”.

LA RISPOSTA DEL CONI — Ore 13.15 Una Giunta Coni convocata d’urgenza per mercoledì pomeriggio come immediata contromisura alla crisi del calcio. È questa – secondo l’Ansa – la mossa immediata di Giovanni Malagò. All’ordine del giorno della Giunta semplicemente “comunicazioni del presidente”.

LE PAROLE DI TAV — Ore 13.oo Filtrano le prime parole di Tavecchio: “Ambizioni e sciacallaggi politici hanno impedito di confrontarci sulle ragioni di questo risultato” Questo ha detto Carlo Tavecchio ai consiglieri della Figc prima di chiedere le dimissioni di tutto il consiglio, ovviamente a cominciare da se stesso. “Ho preso atto del cambiamento di atteggiamento di alcuni voi”.

LE DIMISSIONI DI TAVECCHIO — Ore 12.38 (a.cat.) Alla fine, si è arreso. Dopo un breve, commosso intervento, Carlo Tavecchio ha presentato al Consiglio federale le sue dimissioni da presidente, chiedendo un ultimo estremo gesto di responsabilità: un passo indietro di tutti i consiglieri. Richiesta prontamente accolta. Dunque, l’intero Consiglio è azzerato, quello che chiedevano le opposizioni, Calciatori e Lega Pro, la politica e i vertici dello sport italiano. Le ultime ore sono state drammatiche. Tavecchio ha accarezzato per una notte l’idea di andare avanti, chiedendo un rinvio di due settimane per aspettare il rientro in Consiglio dei voti favorevoli di Lega A e B. Glielo chiedevano i grandi club, con la Juventus di Agnelli in testa, preoccupati che la resa ora possa mandare all’aria l’equilibrio trovato per il rinnovo delle cariche. Ci ha provato, Tavecchio, ma stamattina, dopo l’ennesimo affondo del ministro Lotti e, soprattutto, l’esito sfavorevole del Consiglio direttivo della Lnd, il presidente è crollato. La sua vecchia creatura si era riunita con una buona metà propensa a concedergli fiducia ma dopo tre ore di discussione, a tratti molto intensa, il pronunciamento è stato contrario, e anche compatto. A quel punto, Tavecchio ha capito di non avere più i numeri.

ULIVIERI: ASPETTIAMO LE LEGHE DI A E B — Ore 12.24 Renzo Ulivieri, presidente dell’Assoallenatori: “Ho parlato con il consiglio direttivo e abbiamo deciso in maniera unanime, siccome il consiglio è monco, di aspettare la nuova governance di Lega A e B”.

TOMMASI: ORA UNA PRESA DI RESPONSABILITÀ — 12.15 Chiara anche la posizione dell’Assocalciatori: per il presidente Damiano Tommasi, “siamo già in ritardo, oggi mi aspetto una presa di responsabilità e di coscienza, vediamo se qualcuno ha capito durante la settimana”.

NICCHI: SPERO NON SI VOTI — Ore 12.12 “La nostra posizione? La vedremo dentro. Spero che stamani non ci sia bisogno di votare”, le parole di Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione italiana arbitri.

SIBILIA: LND COMPATTA — Ore 12.11 “La posizione della Lega Nazionale Dilettanti è compatta, condivisa nella totalità”, dice Cosimo Sibilia, presidente della Lnd: non ha però voluto specificare se la sua Lega confermerà o meno l’appoggio all’attuale presidente della Figc. “Dobbiamo ascoltare per capire quali sono i programmi di Tavecchio”, ha osservato Andrea Montemurro, consigliere federale in quota Lnd.

GRAVINA NON CAMBIA IDEA — Ore 12 Gabriele Gravina, presidente della Lega Pro, ribadisce lo strappo con Tavecchio: “Vale quello che ho detto l’altro giorno”.

ABETE: TAVECCHIO SI DIMETTA — Ore 11.41 “Chiederò le dimissioni di Tavecchio, la mia posizione è in linea con quella del presidente Gravina. Se tutti i consiglieri avranno la volontà di dimettersi, lo faremo, anche per favorire una riflessione strategica per il futuro del calcio. Ma, se questo non avvenisse, diremo al presidente Tavecchio che non è l’unico responsabile di questa situazione”. Così Giancarlo Abete, ex presidente della Figc e oggi consigliere federale in quota Lega Pro, al momento di entrare nella sede di via Allegri per il Consiglio federale.

LOTTI: OCCASIONE DI RILANCIO — 10.43 “Mi aspetto la riflessione che tutti abbiamo auspicato e che il mondo del calcio sta aspettando da tempo – dice il ministro dello sport, Luca Lotti, prima di partecipare agli Stati Generali dello sport, in corso al Coni -. Ho fatto un appello ai consiglieri della Figc, affinché si rendano conto del momento particolare che sta vivendo il nostro calcio. Questa è un’occasione per poter ripartire e poter raccontare come si fa il calcio fin dalle scuole giovanili, arrivando a una discussione e una riflessione più ampia sulle Leghe di A e B che purtroppo non hanno eletto ancora i propri rappresentanti. Credo sia opportuno sfruttare quest’occasione per rifondare il calcio, la politica è pronta a dare una mano, ma mi aspetto molto dal Consiglio federale”.

GRAVINA: NON SO SE AVRÀ I NUMERI — Ore 10.09 “Non so se Tavecchio avrà i numeri, noi non lo abbiamo votato, siamo stati sempre molto critici ma abbiamo sempre rispettato il ruolo”. Il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, così si è espresso ai microfoni di 6 su Radio 1. “Sono sicuro di ciò che noi proporremo – ha proseguito Gravina – ossia un passo indietro, non solo di Tavecchio, ma anche di tutto il Consiglio Federale. Giancarlo Abete rappresenta gli interessi della Lega, vuole molto bene al calcio e non potrà che essere in linea con l’atteggiamento che la Lega Pro esporrà in Consiglio Federale”.

SIBILIA: NIENTE SPACCATURE IN LND — Ore 9.25 “Faremo una riflessione nel Consiglio direttivo della Lega e dopo prenderemo delle decisioni. Al momento è prematuro anticipare qualsiasi cosa visto che ancora non abbiamo parlato – ha detto il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, all’ingresso della sede della Lnd per discutere della situazione in Figc -. Se la Lega Dilettanti si presenta compatta? Io non ho notizie di spaccature al nostro interno, vedremo al momento opportuno e decideremo, spero nella maniera più largamente condivisa”.

 

La “rivincita” della Serie A: nell’attuale “Top ten” europea ci sono ben 5 squadre italiane!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy