Italia-Danimarca 1-3. Alle danesi bastano 47 minuti. Azzurre belle a metà

La diretta testuale di Italia-Danimarca, valida per le qualificazioni al campionato Europeo femminile

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Segui su Numericalcio il tabellino e la diretta testuale di Italia-Danimarca femminile

EURO 2022 FEMM.
QUALIFICAZIONI
——
Martedì, 27/10/2020 – h.17:30
Stadio “C. Castellani”
 Empoli
1 3
ITALIA DANIMARCA
RETI: 7 N. Sørensen (D), 17 Nadim (D), 47 Nadim (D), 60 Giacinti (I) 
Risultato finale
GIRONE ITALIA:
>>> RISULTATI <<<
>>> CLASSIFICA <<<
SCORRERE VERSO IL
BASSO PER LEGGERE
LA DIRETTA TESTUALE
TABELLINO:

ITALIA (4-4-2) – Giuliani; Bartoli, Salvai, Linari, Boattin; Cernoia [89 Mascarello], Giugliano, Rosucci [46 Galli], Bonansea; Girelli (K) [64 Tucceri Cimini], Giacinti [85 Tarenzi]
A disp.: Schroffenegger (GK), Durante (GK), Tortelli, Di Guglielmo, Caloia, Sabatino, Fusetti, Caruso
All.: Milena Bertolini
———
DANIMARCA
 (3-4-3) 
– Abel; Sevecke, Boye Sorensen, Veje; N. Sorensen [90 Thøgersen], S. Troelsgaard [90+3 N. Christiansen], Pedersen, Svava [90 Pedersen]; Larsen [72 Bruun], Harder (K), Nadim [72 Snerle]
A disp.: Christensen (GK), Larsen (GK), Møller Holdt, Madsen, Sara Andersen, Thomsen, Møller
All.: Lars Sondergaard
———
Arbitro: Cheryl Foster [WAL]
[Griffiths e Williams)
IV uff.: Rebecca Welch [ENG]
——
Ammoniti: 22 Bartoli (I), 56 Boye Sorensen (D), 81 Giacinti (I), 90+5 N. Christiansen (D)
Espulsi:
Recuperi:


DIRETTA TESTUALE

90+6 – TERMINA LA GARA. LA DANIMARCA ACQUISISCE IL PASS PER LA FASE FINALE DEL CAMPIONATO EUROPEO. LE AZZURRE DOVRANNO CERCARE DI CONQUISTARE PIU’ PUNTI POSSIBILI PER  CERCARE DI PASSARE FRA LE MIGLIORI SECONDE

 

90+6 – La punizione di Linari sfiora il palo

90 – CONCESSI 4 MINUTI DI RECUPERO

85 – Finale di gara totalmente a tinte azzurre, con le ragazze della Bertolini, nonostante la stanchezza e l’avversario di caratura superiore, alla ricerca continua del secondo gol

81 – Ancora una svista arbitrale: Troelsgaard commette un fallo solare su Giacinti a ridosso del centrocampo, la direttrice di gara non se ne accorge, ma vede, però, la reazione della Giacinti stessa sulla danese che causa l’ammonizione della milanista

76 – Errata valutazione arbitrale che non convalida un gol delle danesi a causa di un fuorigioco in “partenza” che, obiettivamente, non sembrava esserci

70 – Ottima deviazione sopra la traversa della Giuliani sul forte tiro ravvicinato della Harder lanciata in contropiede

68 – Italia costantemente nella metà campo avversaria. Le azzurre continuano a provarci

62 – Giocano bene le azzurre, che sembrano in grado di accorciare ulteriormente le distanze

60 – GOL ITALIA! Ottima intuizione di Bonansea che verticalizza in area avversaria per Giacinti, che, “di prima” gira in rete anticipando l’uscita di Abel. Trattasi del primo gol assoluto subito dalla Danimarca in questo girone di qualificazione

56 – Ammonita Boye Sorensen per una gomitata ai danni della Giacinti

51 – A differenza del primo tempo le ragazze della Bertolini hanno ripreso ad attaccare senza accusare eccessivamente il gol a “freddo”

47 – GOL DANIMARCA! Nadim realizza di testa su calcio d’angolo, ma è evidente il fallo subito da Giuliani (ostacolata visibilmente in uscita da una danese) che, purtroppo, non viene rilevato dall’arbitro

46 – La Danimarca batte a centrocampo. Si segnala una sostituzione per l’Italia (Galli per Rosucci)

RICOMINCIA LA GARA

45 – TERMINA IL PRIMO TEMPO SENZA RECUPERO

44 – L’Italia termina in attacco la prima frazione di gioco, dimostrando, a tratti, di poter impensierire la difesa danese

43 – OCCASIONE ITALIA! Ancora vicine al gol le azzurre con Giacinti, brava a girarsi in area avversaria e a trovare lo spiraglio giusto sul quale Abel compie un buon intervento

41 – OCCASIONE ITALIA! Ripartenza azzurra messa in moto dalla Giacinti che serve Bonansea sulla destra. Sgroppata dell’attaccante juventina che si porta fino in prossimità della porta avversaria per poi sparare alto poco sopra la traversa

35 – Continuato possesso palla delle danesi. Azzurre quasi tutte nella propria metà campo per evitare di subire il terzo gol

31 – Dopo il tentativo dei primi minuti, Bonansea prova a bucare nuovamente l’estremo difensore danese, ma il destro rasoterra è lento e si spegne a lato della porta avversaria

29 – Ottimo scatto della Giacinti, ma la difesa danese sale bene e lascia l’attaccante azzurra in off side

25 – Le azzurre tentano di imbastire qualche azione efficace per arrivare nell’area avversaria,  ma le danesi chiudono bene tutti gli spazi già nella propria tre-quarti

22 – Ammonizione per la Bartoli, intervenuta in gioco pericolo sulla Svava che resta a terra per qualche secondo

17 – RADDOPIO DELLA DANIMARCA! Fuga di Harder sulla destra che crossa al centro per Nadim che insacca in volo di testa

15 – Sventola di Nadim che scheggia la traversa. Danimarca vicina al raddoppio

12 – Dopo un buon inizio di marca italiana, le azzurre sembra che abbiano accusato il colpo. La Danimarca è ancora pericolosa

7 – GOL DANIMARCA! Incredibile svarione difensivo della Giuliani che, su calcio d’angolo della Sorensen, calcola male la traettoria e non riesce ad evitare il gol avversario

6 – Ottimo intervento di Giuliani che riesce a deviare in corner un tentativo di pallonetto della Harder lanciata in contropiede

2 – Il primo tentativo della gara è di marca azzurra con Bonansea, con un tiro da lontano che non crea problemi ad Abel

1 – L’Italia, in completo azzurro ha mosso il primo pallone della gara. Danimarca in divisa completamente rossa

PARTITE!

Quella con le vice campionesse d’Europa in carica è una partita cruciale per il primo posto del Gruppo B [CLICCA], che garantisce l’accesso diretto alla fase finale del torneo continentale. Il netto successo casalingo di mercoledì scorso con Israele ha lanciato in testa al girone le danesi, prime con tre lunghezze di vantaggio sull’Italia, ma avendo disputato una gara in più. Otto partite e altrettante vittorie, con 45 reti all’attivo e nessun gol subito: è questo l’impressionante ruolino di marcia della nazionale guidata da Lars Sondergaard e trascinata da Pernille Harder, la stella del Chelsea a segno per 8 volte nelle qualificazioni al pari di Cristiana Girelli. Ma anche il cammino dell’Italia non è da meno, un percorso netto fatto di sette vittorie in sette gare e un finale ancora tutto da scrivere. Decisive saranno le due sfide con la Danimarca (il secondo match è in programma il 1° dicembre a Viborg) e l’incontro da recuperare con Israele.

“In questo raduno – sottolinea Milena Bertolini rispondendo in videoconferenza alle domande dei giornalisti – gli aspetti medici hanno avuto la meglio su quelli tecnici. L’attenzione è stata un po’ distolta dalla partita, ma con tutto quello che sta succedendo è normale che sia così. Adesso però dobbiamo voltare pagina e pensare solo alla gara con la Danimarca”. Il 5-0 di un mese fa a Zenica ha rappresentato un’importante iniezione di fiducia: “La partita con la Bosnia ci ha dato consapevolezza, le ragazze avevano una gran voglia di tornare ad indossare dopo tanto tempo la maglia azzurra”.

Agli infortuni di Gama, Bergamaschi, Polli e Glionna si è aggiunto nel week end il forfait di Alia Guagni, costretta ad abbandonare il ritiro dopo essere risultata positiva al COVID-19. E un’altra assenza importante sarà quella dei tifosi sugli spalti, dato che nel rispetto dell’ultimo DPCM il match si giocherà a porte chiuse: “La Danimarca – avverte la Ct – è una delle big d’Europa, noi ancora non lo siamo. Stiamo facendo dei grandi passi in avanti e stiamo accelerando tantissimo, ma per annullare il gap con le più forti c’è ancora tanta lavoro da fare. Le due partite con la Danimarca ci permetteranno di capire meglio a che punto siamo”.
[FIGC]

Pubblicità Numericalcio

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy