Liga – Il match Barcelona-Las Palmas si gioca a porte chiuse

Liga – Il match Barcelona-Las Palmas si gioca a porte chiuse

Nel giorno del referendum indipendentista cariche della polizia nei seggi. Grave il bilancio secondo il Governo catalano. Il match con il Las Palmas si disputa senza tifosi

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

CARICHE E FERITI
 —
Dalla mattina di oggi si segnalano scontri e il Governo catalano ha comunicato che i feriti sarebbero 337, invitandoli a sporgere denuncia presso la polizia catalana. Le forze di sicurezza spagnole sono intervenute in decine di seggi allestiti in tutta la Comunità Autonoma per sequestrare le urne e il materiale elettorale e impedire lo svolgimento della consultazione, che per lo Stato spagnolo è illegittima e incostituzionale. Malgrado l’esplicito divieto delle autorità del governo centrale, centinaia di persone hanno iniziato ad affollare fin dalle prime ore della mattina tutti i luoghi adibiti a seggi elettorali per il referendum e le operazioni di voto sono in corso in quasi tutta la Regione, con file lunghissime di cittadini in attesa. Secondo il portavoce del governo catalano “il 73% dei seggi elettorali sono aperti e stanno funzionando”. Le file si sono formate già dall’alba e moltissimi seggi sono rimasti presidiati dagli indipendentisti per l’intera nottata. I Mossos d’Esquadra, che avevano fatto sapere che sarebbero intervenuti alle 6 del mattino, si sono invece limitati a osservare l’allestimento dei seggi e sui social media hanno iniziato a circolare già dall’alba le foto dei cittadini pronti a votare e dei locali e delle urne predisposte per il voto. Il clima festivo delle prime ore ha iniziato a trasformarsi poco dopo le nove, orario previsto per l’inizio delle votazioni, quando la Polizia Nazionale e la Guardia Civile hanno iniziato una serie di blitz in diversi seggi elettorali per requisire le urne e fermare le operazioni di voto. Secondo diversi media, la polizia ha usato anche proiettili di gomma. Le immagini mostrano cariche, feriti (38 di cui 3 gravi scrive El Mundo) e persone in terra o allontanate con la forza dagli agenti. Al seggio di Sant Julia de Ramis, a Girona, dove avrebbe dovuto votare il presidente del governo catalano, Carles Puigdemont, gli agenti della Guardia Civil in tenuta antisommossa hanno sfondato la porta a vetri e fatto irruzione nel seggio dove si trovano centinaia di persone, le urne sono state sequestrate. Lo stesso è avvenuto in molti altri seggi, mentre sono state interrotte le comunicazioni internet per impedire il conteggio.
Visualizza l'immagine su TwitterLAS PALMAS CON LA BANDIERA — Intanto il calcio, al di là del rinvio, è stato coinvolto dalla questione. Oltre alle dichiarazioni di sostegno al voto arrivate da figure storiche e attuali del Barcellona come Guardiola, Puyol, Xavi o Piqué (che ha votato e postato il video), è arrivata anche la presa di posizione del Las Palmas, ospite del Barça, che aveva chiesto e ottenuto di poter giocare con una maglia speciale, che riporta una bandiera spagnola. Una presa di posizione forte che ha ricevuto l’ok della federazione. Ed era anche saltato il tradizionale pranzo fra i dirigenti delle due squadre, a conferma di una tensione altissima.

 

Gazzetta.it

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy