Serie A – Si ripopolano gli stadi: rispetto ai primi 3 turni dello scorso campionato l’aumento è vicino al 15%!

Serie A – Si ripopolano gli stadi: rispetto ai primi 3 turni dello scorso campionato l’aumento è vicino al 15%!

Il dato stagionale sull’affluenza negli stadi dopo 3 turni di campionato fa registrare un netto miglioramento rispetto l’inizio dello scorso torneo

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar
Serie A

Anche dopo la terza giornata si conferma positivo il trend che riguarda l’aumento degli spettatori in Serie A. Rispetto ai primi 3 turni dello scorso campionato, infatti, possiamo registrare un sensibile aumento delle presenze sugli spalti degli stadi della Serie A.
I numeri parlano chiaro.
Lo scorso anno, dopo le prime 3 giornate di campionato, gli spettatori totali furono 626.919 circa. All’epoca le partite che avevano totalizzato più pubblico erano state Inter-Palermo (40.527 spettatori alla seconda giornata) e Juventus-Fiorentina (40.184 nel primo turno).
L’inizio di questo campionato, invece, ha visto riempirsi gli spalti in maniera più netta, al punto che possiamo evidenziare un aumento in media a partita del 14,4%!
I dati stagionali, infatti, riportano un totale di 693.507 spettatori circa nelle prime 29 gare di campionato, ossia circa 66.588 persone in più ad assistere dal vivo alle gare di Serie A rispetto a 12 mesi fa, con una gara ancora da disputare.
Per la cronaca, ricordiamo che la gara a cui hanno assistito più spettatori è, attualmente, Inter-SPAL (57.235), Inter-Fiorentina (51.752), seguita da Milan-Cagliari (49.525) e Roma-Inter (49.388).

*********************************************************
LEGGI ANCHE:
– Spettatori 3° giornata: molto buona la media raggiunta. L’Inter si conferma ad alti livelli

– Spettatori 2° giornata: Milan e Roma fanno la voce “grossa”
– Spettatori 1° giornata: Inter-Fiorentina ha fatto registrare oltre 50.000 spettatori
*********************************************************

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy