Da Taccola ad Astori, quando la morte colpisce in diretta

Da Taccola ad Astori, quando la morte colpisce in diretta

Sono diversi i calciatori scomparsi per problemi, per lo più cardiaci, durante una partita o un allenamento, sotto gli occhi delle telecamere, dei compagni e dei tifosi, o comunque mentre erano in ritiro o per le conseguenze del lavoro in palestra

di redazione nc.it

Pagina 1

Decessi nel calcioSono diversi i calciatori scomparsi per problemi, per lo più cardiaci, durante una partita o un allenamento, sotto gli occhi delle telecamere, dei compagni e dei tifosi, o comunque mentre erano in ritiro o per le conseguenze del lavoro in allenamento. Dall’improvvisa morte di Giuliano Taccola, avvenuta nel marzo del 1969 a Cagliari, si sono susseguiti una serie di decessi che hanno particolarmente colpito i tifosi e gli appassionati di calcio italiani e non solo.
Quella che segue è una lista, già elaborata anche dal Corriere.it negli anni scorsi, con cui vogliamo ricordare la memoria di questi ragazzi che ci hanno lasciato troppo presto.
———————–
Giuliano Taccola
L’attaccante della Roma è morto il 16 marzo 1969, all’età di 25 anni, allo stadio Amsicora subito dopo la partita Cagliari-Roma. Prima della gara aveva detto al medico della Roma, professor Massimo Visalli, che non si sentiva molto bene: temperatura di 37,4° e aveva assunto medicinali per ridurre la febbre. Rientrato negli spogliatoi a fine partita, aveva accusato un nuovo malore e si era adagiato su un lettino: poco dopo aveva cominciato a rantolare fino a perdere conoscenza. Allo stadio non c’era già più l’ambulanza. Taccola viene dichiarato morto alle 17.55 all’ospedale.
———————–
Renato Curi
Il centrocampista del Perugia muore il 30 ottobre 1977 a 24 anni, durante Perugia-Juventus, giocata sotto un temporale. Cinque minuti dopo l’inizio del secondo tempo, durante uno scatto, Curi si accascia a terra: Romeo Benetti, Roberto Bettega e Gaetano Scirea, che gli sono vicini, lo aiutano a rialzarsi, ma subito dopo ricade con gli occhi rovesciati. Portato fuori dal campo, Curi riceve due iniezioni, poi è sottoposto a massaggio cardiaco e respirazione bocca a bocca prima di essere trasportato al Policlinico. Alle 16:30, circa un’ora dopo il malore, viene dichiarato morto. L’autopsia rileva un’anomalia cronaca che risultava dagli esami compiuti con le diverse società con cui aveva giocato.
CLICCA PER CONTINUARE A LEGGEREMaglie ritirate in Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy