Da Taccola ad Astori, quando la morte colpisce in diretta

Sono diversi i calciatori scomparsi per problemi, per lo più cardiaci, durante una partita o un allenamento, sotto gli occhi delle telecamere, dei compagni e dei tifosi, o comunque mentre erano in ritiro o per le conseguenze del lavoro in palestra

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Pagina 4

Decessi nel calcio Goran Tunjic
Goran Tunijc, difensore dei dilettanti del Mladost, in Croazia, ha avuto un attacco cardiaco durante la partita con lo Hrvatski Sokola il 6 marzo 2010. Si accasciò in campo ma il direttore di gara non comprese subito la gravità della situazione, e ammonì il 32enne per simulazione. Soccorso poi dai medici sociali e da un’ambulanza, è stato dichiarato morto.
———————–
Naoki Matsuda
Il difensore del Matsumoto Yamaga è morto il 4 agosto 2011, a 34 anni, due giorni dopo un malore accusato in allenamento. Matsuda era anche un ex nazionale.
———————–
Piermario Morosini
Il 14 aprile 2012 il centrocampista del Livorno, 25 anni, si accascia sul campo del Pescara durante uno scatto. Era il 31’ del primo tempo. Soccorso da compagni e medici, ma non con un defibrillatore, morirà poco dopo in ospedale. L’autopsia rivelerà una rara malattia ereditaria, la cardiomiopatia aritmogena.
———————–
Patrick Ekeng
Il 26enne camerunense della Dinamo Bucarest, è morto in campo venerdì 6 maggio 2016 durante la partita col Vitorul Constanta, dopo essersi accasciato improvvisamente a terra: arresto cardiaco.
CLICCA PER CONTINUARE A LEGGEREMaglie ritirate in Italia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy