Il mistero della Coppa Italia 1926-27, iniziata e mai finita, con un Milan-Juventus rimasto in… sospeso!

Il mistero della Coppa Italia 1926-27, iniziata e mai finita, con un Milan-Juventus rimasto in… sospeso!

L’incredibile storia dell’edizione della Coppa Italia 1926-27, iniziata in ritardo e mai terminata per mancanza di giorni disponibili

di Roberto Vinciguerra, @RobWinwar

Bologna-Juventus 1926-27Juventus e Milan si contenderanno la 71° Coppa Italia della storia, ma la vincitrice di questa finale alzerà il 70° trofeo. Non si tratta di un errore di battitura. In pochi sanno, probabilmente, che un’edizione di Coppa Italia venne iniziata e non terminata per motivi abbastanza… anacronistici, ossia per mancanza di tempo!
Stiamo parlando dell’edizione 1926-27, la seconda dopo quella vinta nel 1922 dal Vado, alla quale presero parte ben 120 squadre. Uno dei motivi per cui questa Coppa Italia non vide alcuna vincitrice (ma anche nessuna finalista) è da ricercarsi, sicuramente, nel fatto che le prime gare si tennero solo l’11 novembre 1926. Queste partite, e quelle dei turni successivi, furono caratterizzate da diversi risultati decisi a “tavolino” a causa dei forfait delle squadre avversarie (anche casalinghe talvolta) e da risultati a doppia cifra. Memorabili, sotto questo aspetto, restano il 14-0 dell’Inter sulle Acciaierie e Ferriere Novi, il 15-0 in trasferta della Juventus a Cento ed il 17-0 dell’Alessandria sull’AC Bologna (da non confondere col Bologna FBC).
********************************
CLICCA PER LEGGERE:
Coppa Italia 2018 – Juventus a caccia di record. Solo un trofeo per il Milan negli ultimi 40 anni
– Coppa Italia – L’albo d’oro della manifestazone
– ICC, tutto come un anno fa. L’eventuale sconfitta in finale di Coppa Italia potrebbe costare molto cara al Milan!
********************************

Le partite dei turni ad eliminazione diretta (tutte in gara unica), dopo un secondo turno che terminò nei primi giorni di gennaio, venivano programmate in maniera casuale, cioè cercando di tenere in considerazione gli impegni delle singole squadre. Ricordiamo che non esisteva ancora la Serie A a girone unico e, di conseguenza, non tutte le squadre potevano garantire la disponibilità negli stessi periodi, spesso anche per motivi geografici.
Il terzo turno, cioè i “trentaduesimi di finale”, disputato fra febbraio e maggio, vide le prime “defezioni” (tre gare non vennero mai disputate: Lecco-Scafatese, Vicenza-Anconitana ed Alessandria-Bologna).
Nonostante tutto 4 gare dei sedicesimi di finale (gara unica) ebbero luogo e furono:
Baracca Lugo-Viola Genova 1-0
Pro Vercelli-Andrea Doria 3-2
Carpi-Carrarese 4-1
Pro Patria-Genoa 1-1 dts
Proprio Pro Patria-Genoa, che avrebbe dovuto essere ripetuta, fu l’ultima gara giocata valida per quell’edizione di Coppa Italia e la data in cui ebbe luogo è abbastanza eloquente: 29 giugno 1927. Le 28 partite successive, per forza di cose, non vennero giocate a causa della mancanza totale dei giorni a disposizione, visto che la stagione agonistica era giunta all’epilogo.
Tra le 13 partite in programma valide per quei “sedicesimi” mai disputati interamente (che vedevano ancora in lizza, tra gli altri, Genoa, Torino, Verona e SPAL), spiccava sicuramente un big match, una sorta di finale anticipata, cioè Milan-Juventus, ossia la finale di questa edizione di Coppa Italia.
********************************
LEGGI ANCHE:
– Serie A – Differenze 36° giornata: Inter al top. Male il Cagliari
– Ranking UEFA per Nazioni – L’Italia si mantiene in scia dell’Inghilterra
– Serie A – Per salvarsi “matematicamente” servono ancora 40 punti (ma, alla fine, potrebbero bastarne 36)
– Serie A, quanti record possibili grazie a Juventus e… Benevento!
– Ranking FIFA – Italia, che tonfo! La sconfitta con l’Argentina costa cara
– Da Baresi ad Astori, l’elenco completo dei numeri ritirati in Italia
– L’Inter è la squadra con più spettatori in Serie A
– Ranking UEFA per club – Liverpool a ridosso della Roma
– Primavera 1 – Vola l’Atalanta. La classifica aggiornata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy